Archivi tag: cappuccino artistico

Express Cafè: la fretta può aspettare

Davanti all’Express Cafè tutti i pendolari di Rifredi passano almeno una volta, chi per un caffè al volo, chi per comprare le sigarette.
Noi abbiamo deciso di prenderci un po’ di tempo per provare i suoi cappuccini, di cui ci avevano già parlato molto bene.
Inoltre quando abbiamo saputo che usano la miscela Mokarico, che è ormai diventata una delle nostre preferite, non siamo riuscite a resistere.

Il locale è molto grande, con un’ampia sala interna, ma anche diversi tavolini fuori.
Stavolta, tanto per cambiare, abbiamo deciso di non prendere i soliti macchiato e marocchino, ma un tanto decantato cappuccino e uno shakerato, visto che c’erano quaranta gradi all’ombra. Continua a leggere


Lola Cafè: un cappuccino che ti dispiace bere

Dopo una mattinata passata a studiare a Villa il Ventaglio siamo andate alla ricerca di un bar per trovare un po’ di consolazione e ristoro.
E’ così che siamo entrate per la prima volta nel Lola Cafè, in piazza Edison: avevamo già sentito parlare dei suoi cappuccini artistici, e visto che era di strada ne abbiamo approfittato.

Essendo subito prima il ristorante “Godò”, si rischia di passarci accanto senza farci molto caso. L’errore sarebbe imperdonabile.

L’interno è molto piccolo, ma potete gustarvi ai tavolini esterni la vostra ordinazione.
Un locale così ti aspetteresti di trovarlo lungo una spiaggia: in un certo senso ti sa di surf, il legno con cui è arredato ti ricorda più una barca. Una bottiglia gonfiabile gigante di Ceres, i vestiti sportivi da “fashion victim” in mostra su una mensola vicino al soffitto… Tutti elementi che ci è già capitato di trovare nei bar vicino al mare. Continua a leggere


Bar Galli: un sorso d’Art Nouveau

Cosa può avere in comune il ramen giapponese con l’Art Nouveau?
Non ne abbiamo idea, eppure in via de’ Banchi, dietro piazza Santa Maria Novella, il (buonissimo!) ristorante Banki Ramen è collegato al Bar Galli, dalle vetrine che richiamano le opere di Mucha, ed è un po’ come giocare sui confini di due culture.

Il locale ha spazi limitati, quindi non è detto che si riesca a trovare un tavolino libero. Tuttavia è davvero un posto carino in cui fermarsi, con molti particolari che arricchiscono l’ambiente. Continua a leggere